We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

FILIERA

Un approccio pionieristico,
nato con il nome Fumagalli.

5 ottobre 2015

A protezione dei più nobili vini europei un’alleanza tra antiche famiglie

L’associazione Primum familiae vini raccoglie ogni anno i grandi nomi del vino per proteggere la più antica filiera del mondo.

Paul Symington, Julien de Beaumarchais de Rothschild, Robert Drouhin, Priscilla Incisa Della Rocchetta, Piero Antinori, Pablo Álvarez, François Perrin, Hubert de Billy, Etienne Hugel, Miguel Torres, Egon Müller: sono gli undici soci di Primum familiae vini, club esclusivo nato negli anni Novanta e costituito dai migliori produttori di vino in Europa. I membri possono vantare la tradizione di essere produttori di vino rinomati da almeno 100 anni e l’adesione al gruppo ha delle limitazioni: le aziende devono essere a conduzione familiare. Il record, quanto a numero di avi, è italiano: le 26 generazioni di Antinori, dal 1385. Con questo club le famiglie dell’eccellenza mondiale del vino hanno stretto un patto per proteggersi dalle multinazionali. L’associazione è stata creata con l’obiettivo di sostenere le tradizioni vitivinicole regionali , condividere le sfide della gestione d’impresa, trasmettere le conoscenze acquisite nel corso dei secoli per le giovani generazioni, scambiare informazioni sui metodi di coltivazione e produzione e promuovere un senso di responsabilità sociale e ambientale . I produttori, con famiglie complete al seguito – 80 persone appartenenti a tre generazioni –, si riuniscono ogni anno in un Paese diverso e il meeting del 2015 si è tenuto poche sere fa nel Chianti classico, al Bargino, nella nuova cantina degli Antinori. Ed è proprio uno dei membri della celebre famiglia toscana, Alessia Antinori, mamma di Giulio e Giovanni Pietro, a presiedere quest’anno la “santa alleanza”. Tra le attività del club c’è anche la partecipazione alle aste di beneficenza: in palio cassette con le bottiglie migliori delle 11 aziende e un passaporto per visitare le cantine con una speciale accoglienza. All’ultima asta, in California, un mese fa, le tre cassette hanno consentito di raccogliere 2,4 milioni di dollari.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
La filiera Fumagalli si aggiorna e si innova
A difesa della filiera del made in Italy agroalimentare è nato Crea

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT