We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

FILIERA

Un approccio pionieristico,
nato con il nome Fumagalli.

16 luglio 2015

Alla settimana del pomodoro a Expo Milano, la filiera si mette in mostra

Frutto o ortaggio? Comunque lo consideriate, l’oro rosso dell’agricoltura italiana è protagonista della buona cucina e della sana alimentazione.

Durante la Settimana Mondiale del Pomodoro, si è tenuto a Expo Milano 2015 il convegno “Il sistema della ricerca e dell’innovazione per il pomodoro da industria a servizio del consumatore”.
Tanti gli aspetti esaminati in particolare sotto il profilo dell’innovazione: l’organizzazione della filiera, l’agronomia, la sperimentazione sul campo, le tecnologie per la sostenibilità e per la tracciabilità e le valenze nutrizionali.
Su quest’ultimo aspetto il professor Lorenzo Morelli, preside della Facoltà di Agraria dell’Università Cattolica di Piacenza, ha sottolineato che “gli approcci molto diversi nei confronti delle proprietà del pomodoro in Europa e in America.

Il pomodoro è da considerarsi botanicamente un frutto, mentre è consumato e vissuto come una verdura. Una delle proprietà più diffuse per il pomodoro è quella antiossidante, ma i suoi effetti salutistici in questo senso sono ancora una sfida in parte da completare, non una realtà acquisita.
Ricordo che in Europa, a differenza che negli Usa, la comunicazione sulla salute degli alimenti è rigidamente regolamentata, con l’obbligo di precisi riconoscimenti di natura scientifica da parte dell’Efsa, l’autorità europea alimentare, basati su prove e studi sull’uomo”.
“Nonostante vi sia un’ampia letteratura scientifica sul pomodoro – ha sottolineato – ed in particolare sugli effetti di uno dei suoi elementi più noti, il licopene, oggi occorre fare una ricerca di tipo nuovo, con studi clinici che possano dimostrare le reali qualità del pomodoro e migliorare quindi anche il prodotto”.
Hanno partecipato al convengo anche docenti ed esperti dell’Università Federico II di Napoli, in collaborazione con la Stazione sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari, l’Azienda Sperimentale Vittorio Tadini, l’Azienda Sperimentale Stuard.

http://www.fumagallisalumi.it/filiera/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Il modello dell'ipermercato è in affanno in Italia
Dop e Igp proteggono la filiera del made in Italy agroalimentare

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT