We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SICUREZZA

La tranquillità
di chi acquista e consuma
è puro orgoglio aziendale.

2 novembre 2015

Bere molta acqua tutti i giorni fa bene?

Uno studio inglese mette in crisi questo must di bellezza e salute.

“Non ci sono prove scientifiche che bere molta acqua faccia bene alla salute”: la dichiarazione di Margaret McCartney, medico di base inglese, pubblicata sul Britisch Medical Journal, ha aperto un acceso dibattito, e non solo nel Regno Unito dove il sistema sanitario nazionale raccomanda ai cittadini di bere otto bicchieri di acqua al giorno per stare bene. Un altro medico, Mark Whiteley, chirurgo e fondatore della Whiteley Clinic di Londra, ha condotto con un gruppo di ricercatori uno studio che ha stabilito che bere più acqua del necessario per periodi prolungati di tempo indurrebbe a disturbi del sonno, eccessiva sudorazione e conseguente irritazione della pelle, pericolosi sovraccarichi dei reni (che lavorerebbero più del necessario) e, nei casi più gravi, malattie cardiovascolari. Il dottore Whiteley ha affermato che “molte persone tendono a bere acqua in maniera compulsiva anche quando il corpo non ha davvero bisogno di liquidi”. Il consiglio, suo e di molti altri medici, è di non bere più di due litri di acqua al giorno e, soprattutto, di farlo solo quando se ne sente davvero il bisogno. Non dimenticando che quotidianamente soddisfiamo la necessità di introdurre liquidi nel corpo anche mangiando frutta e verdura o bevendo latte e succhi di frutta. Un docente di pediatria alla Indiana University School of Medicine, Aaron Carrol, autore di diversi saggi scientifici su questo tema, concorda con i colleghi inglesi specificando che “se è vero che alcuni studi hanno rilevato benefici per la salute con un alto consumo di acqua, ‘alto’ significa molto meno di otto bicchieri al giorno”. Il nostro corpo è ‘programmato’ perfettamente per segnalare quando ha bisogno di liquidi molto prima che si arrivi a un livello considerato “limite” della disidratazione. Insomma, non c’è da preoccuparsi se non si sente la necessità di bere e non si ha sete e non ci si deve sforzare di farlo “perché fa bene”.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Contare le calorie e consumare cibi a basso contenuto di grassi non sempre aiutano a dimagrire
Cleanrooms per combattere le contaminazioni

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT