We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

DEONTOLOGIA

Il punto in cui l’operatività
incontra l'etica.

20 gennaio 2017

Chef e cibo protagonisti in TV

Crescono la celebrità e l’impegno sociale dei cuochi italiani.

Nella graduatoria della popolarità delle professioni gli chef hanno scalato molte posizioni e oggi sono celebri al pari di attori, cantanti, sportivi e star della TV.
E’ cambiato di conseguenza il lavoro stesso del cuoco: prima era sufficiente essere bravo e competente ai fornelli, oggi è necessario essere personaggio pubblico, in grado di relazionarsi al difuori dalla cucina. Se alla fine del secolo scorso avessimo chiesto in un sondaggio di elencare il nome di cinque chef, probabilmente alcuni intervistati non avrebbero saputo rispondere. Oggi, invece, l’elenco sarebbe molto lungo.

Per supportare questo ruolo pubblico, sono molte le iniziative di impegno sociale che i cuochi stellati italiani hanno intrapreso. Massimo Bottura, lo chef italiano oggi più premiato al mondo, sin dai tempi di Expo 2015 con il suo “Refettorio Ambrosiano” ha creato un punto di riferimento a Milano, coniugando due aspetti etici molto importanti: lottare contro gli sprechi alimentari e dare pasti gratuiti e di qualità a chi ha poco o niente. Anche Andrea Berton e Davide Oldani, altri due grandi chef di casa nostra, si sono impegnati ad assistere “Comunità Nuova”, la onlus di don Rigoldi, nella realizzazione di pranzi sociali per i più bisognosi. Ma l’elenco non si ferma certamente a questi tre grandi nomi, moltissimi altri hanno compreso l’importanza di dare un esempio di solidarietà e aiuto, che grazie alla loro grande popolarità, possa velocemente essere condiviso da tutti.

Di pari passo al ruolo degli chef, è cambiato tutto il mondo produttivo che ruota intorno al cibo, un tempo solo necessità primaria, oggi parte sempre più importante della vita sociale e culturale del nostro mondo.
Anche le aziende alimentari, consapevoli del proprio ruolo sul territorio in cui operano, hanno moltiplicato gli sforzi di impegno sociale. In Fumagalli sono anni che collaboriamo con organizzazioni sociali che operano nella provincia di Como, per donare prodotti ottimi, ma non più commercializzabili, a strutture e realtà che operano nell’assistenza di chi è in difficoltà.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
La carne di maiale inserita nella dieta dell’American Institute for Cancer Research
Nel cestino dell’umido ogni famiglia italiana getta in media 30 euro al mese di cibo ancora buono

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT