We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

DEONTOLOGIA

Il punto in cui l’operatività
incontra l'etica.

18 novembre 2015

Consumatori più attenti a ciò che mettono nel piatto, verso un mondo sostenibile

Una nuova consapevolezza per gli italiani, ecco il grande merito di Expo 2015.

Nel semestre milanese 21,5 milioni di persone hanno visitato l’Esposizione Universale.
Un’affluenza inaspettata di visitatori sia italiani che stranieri e un’eredità di valori che Expo lascerà non solo alle prossime manifestazioni, ma nelle coscienze di tutti i cittadini.
“Anche i consumatori italiani hanno acquisito una consapevolezza nuova verso il cibo, – afferma Arnaldo Santi, direttore marketing e comunicazione del gruppo Fumagalli – e per noi questo è il risultato più importante di Expo. Per il mercato straniero la sostenibilità della filiera, la sicurezza alimentare, l’attenzione all’ambiente, al benessere animale, i legami del made in Italy alle tradizioni del territorio, sono ormai da tempo valori consolidati e imprescindibili nella scelta del prodotto finale. Oggi anche i consumatori italiani sono diventati più esigenti e attenti a ciò che mangiano. Da anni la nostra azienda lavora in questa direzione e con il progetto “Etichetta etica”, che riassume la nostra filosofia di impresa proponendo una riflessione sui temi di Expo, possiamo dire di aver centrato l’obiettivo”.

Il gruppo Fumagalli è stato presente ad Expo all’interno del padiglione di Federalimentare, “Cibus è Italia”, dove sono state ospitate le imprese della filiera industriale agroalimentare, eccellenze del nostro Paese.
Durante Expo sono stati moltissimi i contatti con altre aziende e con i consumatori di tutto il mondo, un’opportunità di conoscere e farsi conoscere alla più amplia platea possibile.
“Il merito dell’Esposizione Universale è di aver acceso un riflettore sul settore alimentare italiano – conclude Santi, – ponendoci ancora una volta come punto di riferimento mondiale in tema di cibo e nutrizione”.
Ed è questo l’obiettivo a cui punta ora il progetto di trasformazione dell’area in cui si è svolta Expo in una cittadella della scienza e dell’innovazione, un grande centro di ricerca mondiale sulla nutrizione, la genomica, il big data, il cibo e l’eco-sostenibilità.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Lavorare meno per lavorare meglio
In Costa d'Avorio si usano gli scarti della lavorazione agricola come materia prima per il sapone

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT