We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SOSTENIBILITÀ

Massimo impatto sui consumatori,
minimo impatto sull’ambiente.

10 dicembre 2015

Gli scarti dell’industria alimentare possono essere riutilizzati nel ciclo produttivo

“Il Gusto della Ricerca” della Stazione Sperimentale Industria Conserve Alimentari di Parma propone utilizzi creativi delle bucce vegetali.

Pomodori canditi, ketchup integrale, estratto di caviale e packaging ecocompatibili: tutti ottenuti dagli scarti della lavorazione dell’industria agroalimentare.
“Per quanto molto diversi tra loro e ancora in fase di sperimentazione, si tratta di prodotti destinati nel prossimo futuro a figurare sugli scaffali della grande distribuzione”, parola di Giovanni Parolari, coordinatore del Comitato scientifico di SSICA, la Stazione Sperimentale Industria Conserve Alimentari di Parma, una tra le più importanti istituzioni di ricerca applicata nel settore della conservazione degli alimenti esistenti in Europa e nel mondo.

Il Gusto della Ricerca” è il nome del progetto di trasformazione degli scarti in nuovi prodotti salutari ed ecosostenibili, messo a punto dagli scienziati della Stazione Sperimentale. Presto, dunque, potremmo trovare nei supermercati pomodori cuori di bue e ciliegini canditi, adatti a guarnire dessert e cocktail, persino degustare dei salumi ai quali sono stati aggiunti ingredienti di origine vegetale per coniugare gusto e benessere. L’estratto di caviale, proteico e caratterizzato da una bassa percentuale di grassi, è invece un condimento ideale per riso e pasta ed è ottenuto dal liquido prodotto dalla maturazione delle uova di storione.
Il ketchup integrale, realizzato con bucce di pomodoro e olio di semi, promette di mantenere invariati tutti i benefici del frutto e dell’olio, tra cui omega 6, fitosteroli e luteina, una proteina importante per il benessere della vista.
Infine, sempre dalla buccia del pomodoro, i ricercatori hanno ottenuto una bio-lacca utilizzabile all’interno dei contenitori metallici, come le lattine, e attraverso gli scarti dei legumi hanno ricavato una bio-plastica sostenibile.

I risultati dell’attività di riciclo, oltre alla creazione di nuovi prodotti, sono molteplici: dall’ottimizzazione dei costi di produzione, soprattutto per quanto riguarda la gestione degli scarti, alla produzione di biogas, che permette di limitare l’emissione di CO2 prodotta dall’industria.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
I ghiri sono ghiotti devastatori delle coltivazioni di nocciole
Controlli e uso dei farmaci negli allevamenti

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT