We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SICUREZZA

La tranquillità
di chi acquista e consuma
è puro orgoglio aziendale.

3 gennaio 2016

Gli zuccheri sono nemici della linea e della salute se consumati in modo non equilibrato


Attenzione gli zuccheri non si nascondono solo nei dolci, ma in molti cibi che consumiamo tutti i giorni senza saperlo.

Gli zuccheri sono composti da carboidrati con una struttura molto semplice che, proprio in virtù di questa semplicità, vengono impiegati dall’organismo come immediata fonte di energia. Tuttavia, non occorre esagerare nell’assunzione poiché questi stessi carboidrati sono presenti in molti alimenti costitutivi dell’alimentazione.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per mantenere una dieta equilibrata, non bisognerebbe superare i 25 grammi di zucchero al giorno. Per un consumatore, per quanto attento alla propria spesa e alle etichette, non sempre è facile individuare le quantità di zucchero contenute negli alimenti.

Un’idea originale e un valido aiuto arrivano allora dal profilo Instagram @dealerdesucre dove sono postate le immagini di prodotti industriali confezionati, in particolare bevande, biscotti e merendine e accanto ad ognuno sono allineate le zollette di zucchero contenute. Guardando le foto, partendo dal presupposto che ogni zolletta è costituita da 5 grammi di zucchero, ci rendiamo immediatamente conto del potenziale calorico nascosto in ogni singolo cibo: 7 zollette in una lattina di Coca Cola, più di 20 in un barattolo di Nutella, 6 in una tavoletta di cioccolato fondente Lindt, 4 in un barattolo di Ketchup Amora e altrettante in una confezione di caramel della Danette.

Sul profilo Instagram, vicino alle immagini, viene anche indicato il tipo di zucchero contenuto nei prodotti: maltosio, fruttosio, destrine e così via. E quando si leggono gli ingredienti indicati nelle etichette dei prodotti industriali, per sapere la reale quantità di zuccheri di cui sono composti, è importante non farsi ingannare dalle apparenze.
Ad esempio, se compare la scritta “senza saccarosio”, potrebbe non significare l’assenza di zuccheri perché potrebbero esserne presenti altri con nomi differenti: dai derivati dell’amido (maltosio, destrine, sciroppo di amido con fruttosio, maltodestrine, mannitolo, sciroppo di malto, succo zuccherato disidratato, succo zuccherato evaporato), della frutta, del latte, del glucosio (sorbitolo, xilitolo, mannitolo, isomalto, maltitolo) ai dolcificanti artificiali (saccarina, aspartame, acesulfame, ciclammati e sucralosio).

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Cresce la preoccupazione per la resistenza delle infezioni batteriche ai farmaci
La sicurezza alimentare Fumagalli raccontata con una clip video

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT