We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SOSTENIBILITÀ

Massimo impatto sui consumatori,
minimo impatto sull’ambiente.

3 novembre 2015

I più famosi dell’antichità erano quelli di Babilonia, oggi i giardini pensili decorano i tetti di molti edifici del mondo

Il vantaggio non è solo estetico, i giardini pensili sono una soluzione per abbattere molti tipi di inquinamento metropolitano.

I giardini pensili di Babilonia furono una delle Sette Meraviglie del mondo antico anche se ancora oggi non si ha la certezza della loro esatta collocazione. Da recenti studi, sostenuti da Stephanie Dalley, docente di assirologia a Oxford, i giardini non sarebbero stati affatto situati in Babilonia, ma nella vicina città di Ninive e sarebbero da attribuire non a Nabucodonosor II, sul trono fra il 605 e il 562 avanti Cristo, bensì, un secolo prima, al suo predecessore Sennacherib, costruttore del primo acquedotto al mondo. In Italia le tracce delle più antiche coperture a verde pensile che possiamo trovare, ancora praticamente intatte, sono quelle delle tombe che risalgono al periodo degli Etruschi. Successivamente erano numerose le ville romane nelle quali il giardino pensile rappresentava un elemento caratteristico e importante. La villa dell’Imperatore Adriano a Tivoli (92 d.C.) è forse la più conosciuta. Convenzionalmente si fa risalire la nascita del concetto moderno di verde pensile al 1865, quando l’architetto tedesco Von Rabitz scrisse un trattato sull’impiego del giardino pensile come mezzo per raggiungere la salubrità negli ambienti densamente antropizzati. Tra gli anni ’70 e ’90 in molti Paesi del Nord Europa il verde pensile viene riconosciuto come tecnica e strumento per la mitigazione e la compensazione ambientale. Tra i benefici dei giardini pensili ci sono: l’abbattimento dell’inquinamento atmosferico; l’assorbimento delle onde sonore con diminuzione dell’inquinamento acustico; l’assorbimento dell’elettrosmog; la diminuzione della temperatura esterna; l’assorbimento dell’acqua piovana; l’isolamento termico eccezionale. Non solo dunque una questione estetica che, in tempi recenti, ha portato alla realizzazione di sempre più progetti, in tutto il mondo, che coniugano architettura e natura. E per finire, non è da trascurare il vantaggio economico, anche se si tratta di una ristrutturazione: per tutto il 2015, infatti, in Italia si potrà usufruire del bonus fiscale anche per la realizzazione di un giardino pensile sul tetto del condominio o del proprio appartamento, sul garage o sul terrazzo.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
La sostenibilità Fumagalli raccontata con una clip video
Dai fagioli nasce una carta ecosostenibile e adatta al contatto con i cibi

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT