We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SICUREZZA

La tranquillità
di chi acquista e consuma
è puro orgoglio aziendale.

4 dicembre 2015

Il frigorifero non è sempre la soluzione migliore per conservare gli alimenti

Alcuni tipi di frutta e verdura si mantengono a lungo e senza alterare il sapore fuori dal frigorifero.

Adeguate modalità di conservazione degli alimenti consentono di evitare deterioramenti potenzialmente nocivi, contaminazioni o crescite microbiche.
Le carni in frigo, ad esempio, devono essere sempre protette da involucri e contenitori e separate se di diverse specie. Non devono, inoltre, venire a contatto con alimenti confezionati, verdure, frutta e con alimenti cotti.

Ma la conservazione in frigorifero non è adatta a tutti gli alimenti. Anzi, molti cibi, in particolare frutta e verdura, mantengono inalterate le proprie proprietà più a lungo se conservate fuori dal frigo.
E se è consuetudine riporre le patate in sacchetti di carta, in dispense asciutte e fresche o all’aperto (in frigo marcirebbero più in fretta), è altrettanto usuale conservare pomodori, caffè, salse piccanti, frutta e torte all’interno del frigo. Questi alimenti possono essere conservati tranquillamente a temperatura ambiente. Nel caso delle salse piccanti, addirittura fino a tre anni.

I pomodori, come le patate, in frigorifero marciscono più velocemente e il loro sapore si altera. Meglio dunque riporli in una ciotola su uno scaffale. Il caffè è bene conservarlo in un contenitore ermetico e non in frigo. Le zucche possono essere riposte in dispensa anche fino a due mesi. Le cipolle e l’aglio sono da conservare in luoghi asciutti e ventilati e lontano dalle patate. Non è necessario refrigerare il miele, così come molte torte, se non sono scongelate.
Per quanto riguarda la frutta, non vanno in frigo banane, mele, pesche, albicocche, avocado e melone. I frutti di bosco in frigo marciscono molto più velocemente. Meglio conservarli a temperatura ambiente. Per quanto riguarda Ketchup e senape, contenendo acidi che contrastano lo sviluppo di batteri, possono essere conservati in dispensa anche per un mese. Fuori frigo, il burro di arachidi, ad esempio, si conserva per mesi.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Grass-fed: dall’America un'idea per coniugare gusto, sicurezza e qualità
Nitrati e nitriti sul banco degli imputati, ma cosa sono?

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT