We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

FILIERA

Un approccio pionieristico,
nato con il nome Fumagalli.

17 febbraio 2015

Incroci genetici e miglioramento genetico: l’avanguardia di antichi processi

Come l’attività dell’uomo influenza la selezione genetica delle specie più forti.

Lo sviluppo della ricerca genetica, che l’uomo ha compiuto al fine di conoscere i meccanismi che regolano le caratteristiche della vita, è andata di pari passo con la crescita della diffidenza nei confronti della loro applicazione in campo zootecnico e agricolo.

Dimentichiamo però che questa recente “genetica di laboratorio” è stata anticipata da secoli o meglio millenni di “miglioramento genetico” che l’uomo ha apportato nelle coltivazioni e nell’allevamento. Si stima che le prime forme di miglioramento genetico l’uomo le abbia introdotte tra i 12.000 e 14.000 anni orsono.

Per esempio nell’antica Mesopotamia i coltivatori incrociarono e selezionarono il frumento con la spiga più compatta per ridurne la dispersione dei chicchi, facilitarne la raccolta e aumentare il rendimento dei campi. E persino la Genesi racconta di come Giacobbe fu artefice di un miglioramento genetico: “prese rami freschi di pioppo, di mandorlo e di platano, ne intagliò la corteccia a strisce bianche, mettendo a nudo il bianco dei rami. Poi egli mise i rami così scortecciati nei truogoli agli abbeveratoi dell’acqua, dove veniva a bere il bestiame, proprio in vista delle bestie, le quali si accoppiavano quando venivano a bere. Così le bestie si accoppiarono di fronte ai rami e le capre figliarono capretti striati, punteggiati e chiazzati.”

Se da una parte l’opinione pubblica si dichiara preoccupata dalle interferenze della manipolazione genetica in campo alimentare, dall’altra è spesso ignara dei vantaggi che hanno portato i miglioramenti genetici (molto diversi dai mutamenti) in termini di garanzie per la massima sicurezza e la qualità dei cibi.

Operare per selezionare specie più forti e sane, che necessitano quindi di minor apporto di chimica (farmaci e fitofarmaci), più adattabili a condizioni climatiche dure o con scarsa disponibilità di acqua dolce e con un alto rendimento, è stata da sempre una priorità per l’uomo, oggi è diventata oggi ancor più pressante e irrinunciabile, in funzione di una richiesta di alimenti sempre maggiore, a causa di una popolazione planetaria in continua espansione.

Filiera Fumagalli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Non solo food
Prosciutto di Parma

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT