We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SICUREZZA

La tranquillità
di chi acquista e consuma
è puro orgoglio aziendale.

3 aprile 2017

Salumi e dieta mediterranea

Il rischio è l’eccesso e moderazione è la parola chiave.
“Buono a sapersi” a cura di Jessica Lops (Dietista)  

Nel 2010 l’Unesco ha incluso la “Dieta Mediterranea” nella lista del Patrimonio culturale Immateriale dell’Umanità. Essa, infatti, come suggerisce l’etimologia della parola stessa, DIAITA in greco, rappresenta non solo un regime alimentare ma anche uno stile di vita che, secondo numerosi studi scientifici, aiuta a prevenire le principali malattie croniche quali diabete, obesità e patologie cardiovascolari. Essa ha inoltre un ruolo chiave nella prevenzione dei tumori.

Ma cosa s’intende esattamente per dieta mediterranea?

Quando si parla di Dieta mediterranea, ci si riferisce essenzialmente ad un regime dietetico basato sul consumo di cereali preferibilmente integrali, frutta e verdura, legumi, olio extra vergine d’oliva ma anche pesce e carni bianche. E i salumi dunque sono banditi? Assolutamente no. La carne rossa e i suoi derivati sono certamente consentiti purché consumati con moderazione. Secondo i Larn (Livelli di Assunzione di riferimento di Nutrienti ed Energia per la popolazione italiana) la dose raccomandata è di circa 50 grammi per un massimo di due volte a settimana.

Il consumo di affettati, all’interno di una dieta sana ed equilibrata, è quindi consentito pur con moderazione, avendo cura di selezionare i tagli più magri. Quali?

PROSCIUTTO COTTO: prodotto ottenuto dalla coscia di suino, esso apporta in media il 20% di proteine e circa 100 Kcal per 50 gr di prodotto. Ovviamente l’apporto calorico scende se si predilige un prosciutto cotto di alta qualità e lo si priva del grasso visibile.

PROSCIUTTO CRUDO: ottenuto dalla coscia del maiale, esso rappresenta un ottimo alimento dal punto di vista nutrizionale. Apporta, infatti, circa 14 gr di proteine e 170 Kcal per 50 gr di prodotto ed è ricco di sali minerali.

BRESAOLA: è un prodotto molto selezionato derivante dalla coscia del bovino. Essa ha un basso apporto di grassi ed è ricca di proteine (15-17 gr per 50 gr) e sali minerali. Per questo motivo è un alimento molto utilizzato all’interno delle diete dimagranti e nell’alimentazione degli sportivi.

Ciò non toglie che saltuariamente possiamo concederci una piccola quantità di altri affettati come ad esempio speck e salame, che, pur non essendo propriamente magri, all’interno di un regime alimentare bilanciato, sono permessi. Insomma tutto può essere concesso, il rischio è l’eccesso e moderazione è la parola chiave.

dichiarazione_nutrizionale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Salumi e sport
Cambiano i consumi alimentari degli anziani italiani

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT