We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SICUREZZA

La tranquillità
di chi acquista e consuma
è puro orgoglio aziendale.

29 gennaio 2015

Sicurezza sanitaria negli allevamenti

Quali sono le strategie più efficaci per tutelare la sicurezza alimentare?

All’ultima fiera dell’artigianato a Milano i NAS dei carabinieri hanno sequestrano tre quintali di cibo avariato, tutti ricordiamo lo scandalo della mozzarella blu, per non parlare dei continui allarmi sulla carne agli ormoni o piena di antibiotici. Tutte notizie che hanno molta eco nell’opinione pubblica e, se a volte i media ne cavalcano le paure per fare ascolto, sottovalutare il problema della sicurezza alimentare sarebbe miope e inutile.

Quando queste crisi riguardano i prodotti di derivazione animale, dovremmo ricordarci che la maggior parte dei problemi nascono spesso all’origine della catena produttiva, ancor prima dei passaggi di trasformazione che portano carne e formaggi in tavola, e cioè nell’allevamento.

Fumagalli Industria Alimentare spa tutela la qualità dei suoi prodotti sin dall’allevamento attraverso quattro strategie sviluppate e affinate negli anni, messe a punto grazie all’enorme mole di informazioni raccolte dal controllo informatizzato di tutta la filiera aziendale.

Primo punto la selezione delle scrofe: attuata attraverso la genetica di popolazione per ridurre al minimo la mortalità dei suinetti, individuare la tipologia di animale più sano con la minor necessità di trattamento farmacologico e con il maggior rendimento in termini di qualità e quantità di carne prodotta.

La seconda regola per gli allevamenti Fumagalli è quella del ‘tutto pieno tutto vuoto’: isolare ogni ciclo di allevamento per non creare rischi di contaminazione e trasmissione di problematiche sanitarie.

Questo si traduce anche nella tutela della qualità dell’ambiente degli allevamenti per il maggior benessere possibile dei suini, garantendo maggior spazio a disposizione, paglia e giochi nei recinti e libertà di movimento per le fattrici. Inoltre si cerca di eliminare completamente o ridurre all’indispensabile gli interventi sui suini, lasciando code e denti.

Infine, grande attenzione viene data all’alimentazione, perché qualità e certezza sui mangimi utilizzati significa crescita equilibrata, salute degli animali e soprattutto qualità del prodotto finale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Nord America ed Europa progettano il TTIP: Transatlantic Trade and Investment Partnership
Come possiamo essere sicuri dei prodotti che portiamo in tavola?

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT