We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

SOSTENIBILITÀ

Massimo impatto sui consumatori,
minimo impatto sull’ambiente.

27 novembre 2015

Tra dieci anni l’inverno si accorcerà di tre settimane

Uno studio americano lancia l’allarme sull’ennesima conseguenza del surriscaldamento del pianeta.

L’ultima a lanciare l’allarme in ordine di tempo è stata l’università americana del Wisconsin: la durata dell’inverno si ridurrà fino a tre settimane e la primavera arriverà prima.
Ad occhi incauti potrebbe sembrare una bella notizia, un inverno più corto significa un clima più mite e un uso minore di energia per il riscaldamento, insomma una gioia per i freddolosi. In verità la natura vive di equilibri delicati e la durata delle stagioni regola molti comportamenti animali, oltre alla ricostituzione delle riserve d’acqua grazie alla neve.

Gli uccelli migratori per esempio, che non dispongono di calendari e statistiche meteo, si regolano per i loro lunghi viaggi in funzione delle temperature e delle ore di irraggiamento della luce solare; ma primavere precoci, con la conseguente fioritura anticipata di molte piante che forniscono nutrimento a questi migratori, possono causare loro molti problemi, poiché arrivano in ritardo rispetto alla disponibilità di cibo.

Uno studio europeo in Islanda ha evidenziato che gli uccelli che coprono le distanze più lunghe soffrono maggiormente di questa variazione, poichè sembrano dimostrare una minor capacità di adattamento.
Già ad inizio 2015 Stefano Caserini, docente di Mitigazione dei Cambiamenti Climatici al Politecnico di Milano aveva segnalato che il nostro paese se la passa anche peggio degli altri, è infatti più marcato l’aumento delle temperature medie: “E’ normale che in un territorio più piccolo ci siano massimi di temperatura più elevati, ma la tendenza del riscaldamento globale per l’Italia è una volta e mezzo quella della media delle terre emerse e il doppio di quella di tutto il Pianeta”.

Domenica 29 novembre a Parigi inizia “la conferenza sul clima Cop21”: 190 leader del mondo discuteranno del cambiamento climatico e di come rallentare l’aumento della temperatura a livello globale nei prossimi decenni, speriamo bene, il tempo a nostra disposizione, freddo o caldo che sia, inizia a scarseggiare.

http://www.fumagallisalumi.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Controlli e uso dei farmaci negli allevamenti
Il Gruppo Fumagalli verso una filiera biologica all'insegna del benessere animale

Comments are closed.

Top
LOADING CONTENT